fbpx

UNICO

di Grazia Dormiente


Per ChocoModica 2019 il Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica ha indicato genialmente il claim UNICO. I sinonimi di tale aggettivo catturano pure l’inarrivabile sapore celebrato da Leonardo Sciascia nel lontano 1983, disvelando l’inimitabile barretta, che, vestita da colorate denominazioni e tutele, attraversa tutte le vie gustose, spandendo aromi e sapori di antichi e attuali connubi. Unico attiene analogamente all’ ambrata consistenza della nuda barretta che cela candide scintille di stuzzicanti capricci, ancorati a sussulti di gioie infantili e di gratificanti clamori. Unico permane ancora per la sua figurale forma che addensa salutari benefici e provvidenziali rimedi, diffondendo scientifici simboli di bontà e salute. Speculare alla città di Modica, il cioccolato racconta la sapienza di mani tese a renderlo Unico in Europa e nel mondo. Unico e fascinoso il cioccolato di Modica IGP continua ad accendere il prodigio del seme culturale, confluente nel piacere della gioiosa e festosa creatività.

La Storia

Il Cioccolato di Modica di inarrivabile sapore, per dirla con Leonardo Sciascia, avvolge, seduce e, rievocando storie di indimenticati lasciti, rivela un patrimonio di gesti e di saperi che si è sedimentato grazie alla genialità di maestri cioccolatieri che già nel Settecento a Modica, capitale dell’omonima e potente Contea, manipolavano il mitico “cibo degli dei”.

Il Progetto

Dici cioccolato e, da qualche anno in qua, pensi a Modica. E non solo perché l’ex Contea è dolce quanto una barretta di cioccolato, adagiata com’è tra quattro colli, verso i quali si snodano mollemente viuzze, chiese e palazzi dai ghirigori barocchi. Ma anche perché sull’oro vero del suo cioccolato – conosciuto e apprezzato in tutto il mondo - Modica ha ricostruito la propria storia.




EVENTI


SOCIAL WALL